Home Uncategorized Ransomware, truffe BEC prendono di mira le piccole imprese

Ransomware, truffe BEC prendono di mira le piccole imprese

0


Le truffe di compromissione della posta elettronica aziendale (BEC) continuano a devastare i flussi di lavoro di pagamento B2B delle aziende, ma il B2B Data Digest di questa settimana rileva che il ransomware ha nuovamente rubato i riflettori. L’analisi scopre le statistiche dietro uno degli attacchi ransomware più prolifici alle piccole e medie imprese (PMI), mentre i rapporti trovano anche milioni di dollari rubati alle aziende grazie a truffe su fatture e buste paga.

6 mesi fa, c’erano meno truffe BEC nel settore edile australiano rispetto a oggi, secondo un nuovo avviso emesso dall’Australian Cyber ​​Security Centre. L’avviso diceva che i truffatori BEC sono rivolgendosi alle imprese edili fingendosi partner commerciali legittimi che chiedono il pagamento delle fatture modificando i dettagli bancari sulle fatture future. I criminali informatici possono hackerare account e-mail o creare nuovi indirizzi e-mail che sembrano simili a quelli legittimi delle aziende del settore. In una dichiarazione, Michael McKinnon, responsabile delle informazioni presso Tesserent, ha dichiarato a IT Wire, “Il settore edile australiano è altamente vulnerabile non solo alle truffe BEC, ma anche agli attacchi di phishing e ransomware”. Ha aggiunto: “Questo è il risultato di anni di negligenza nella spesa IT nel settore”.

Da 800 a 1.500 piccole imprese sono state colpite da quello che potrebbe essere il più grande attacco ransomware di sempre, gli ultimi rapporti in Il Washington Post disse. Il risultato di una violazione informatica presso la società di software B2B Kaseya, l’attacco ransomware si è rapidamente diffuso ai clienti aziendali di Kaseya, anche se i rapporti hanno rilevato che non è chiaro quanto sia diffuso il danno. Molti dei clienti di Kaseya sono essi stessi fornitori di servizi IT B2B che servono un volume elevato dei propri clienti aziendali, il che significa che fino a 1 milione di piccole imprese in tutto il mondo potrebbero essere state colpite. REvil, l’equipaggio del ransomware secondo quanto riferito dietro l’attacco, sta cercando $ 70 milioni in pagamenti di criptovaluta per sbloccare tutte le attività colpite dal ransomware, anche se secondo quanto riferito il prezzo è stato ridotto a $ 50 milioni.

Secondo quanto riferito, la società di reclutamento di New York Healthcare Network Alliance (HCNA) per un valore di $ 380.960 sono state emesse fatture fraudolente in una frode di pagamenti B2B, notizie locali disse. La truffa ha coinvolto l’ex CEO di eHealth Global Technologies, che ha stipulato un contratto con l’azienda HCNA, di proprietà della moglie del CEO. Insieme, secondo quanto riferito, avrebbero cospirato per emettere fatture per servizi che non sono mai stati forniti, consentendo all’ex CEO di ridurre in modo fraudolento il suo reddito imponibile.

Secondo quanto riferito, 500.000 dollari sono stati rubati da una ditta di pediatria dell’Ohio, presumibilmente da un ex dipendente della società. I rapporti locali affermano che l’azienda di pediatria sta accusando l’ex dipendente di manipolazione del libro paga per pagarsi fondi extra, una truffa scoperta solo dopo che la società ha inviato i moduli W2 ai dipendenti e ha scoperto che lo stipendio dell’individuo era quasi il triplo di quello che avrebbe dovuto essere, dicono i rapporti. Un’indagine della polizia ha scoperto che l’individuo avrebbe anche falsificato le firme dei medici su assegni cartacei e utilizzato in modo improprio le carte commerciali della società.

Secondo quanto riferito, $ 2,2 milioni sono stati rubati in una serie di truffe, comprese le truffe BEC, da un residente del Texas che ora è stato arrestato, ZDNet disse. L’individuo è stato condannato a più di 7 anni di carcere per le frodi, che includevano truffe romantiche e frodi BEC. “Questi schemi moralmente riprovevoli privano le persone dei loro sudati guadagni e persino dei risparmi di tutta la loro vita e dei fondi pensione, lasciandosi alle spalle umiliazioni e rovina finanziaria”, ha commentato il procuratore degli Stati Uniti. Ashley Hoff. “Il nostro ufficio continuerà a perseguire vigorosamente coloro che cospirano per depredare le vittime vulnerabili in questo modo”.

15 milioni di dollari sarebbero stati defraudati dalla società di servizi finanziari RIA R Squared in una truffa finanziaria delle fatture, secondo i notiziari locali. Un individuo ora affronta una causa civile federale nel distretto del Wyoming presentata dalla società FinServ, accusando l’individuo di aver falsificato documenti per garantire un prestito di $ 15 milioni per coprire i costi dei conti da pagare per la sua attività. I documenti affermavano che l’azienda aveva una fattura in sospeso di $ 26 milioni dal fornitore, con i singoli documenti falsificati del suo conto bancario personale che secondo quanto riferito mostravano fondi sufficienti. L’evento ha dato il via a ulteriori casi di presunta frode, hanno osservato i rapporti.

——————————

DATI NUOVI PYMNTS: STUDIO FIDELIZZARE LAVORO PER LE PICCOLE IMPRESE – EDIZIONE DEL REGNO UNITO

Informazioni sullo studio: I consumatori del Regno Unito considerano lo shopping locale la chiave sia per sostenere l’economia che per salvare l’ambiente, tuttavia molte attività commerciali locali di High Street hanno difficoltà a farli entrare. Nel nuovo studio Making Loyalty Work for Small Businesses, PYMNTS ha intervistato 1115 consumatori del Regno Unito per scoprire come l’offerta di programmi fedeltà personalizzati può aiutare a coinvolgere nuovi acquirenti di High Street.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here