Home Uncategorized Rimbalzo del secondo trimestre di Uber: riassunzione di personale prima di Delta

Rimbalzo del secondo trimestre di Uber: riassunzione di personale prima di Delta

0


Uber ha facilmente superato le ultime aspettative di Wall Street per i tre mesi terminati il ​​30 giugnons, ma è ciò che sta accadendo a luglio e agosto e oltre con l’emergere della variante delta che è più preoccupante in questo momento.

Ufficialmente, la società di trasporti con sede a San Francisco ha registrato un profitto a sorpresa di 58 centesimi per azione su un fatturato totale di 3,9 miliardi di dollari per il trimestre. Questo ha facilmente superato l’obiettivo di Wall Street di una perdita di 51 centesimi sulle vendite di 3,7 miliardi di dollari.

La società ha anche registrato un utile netto di $ 1,1 miliardi nel trimestre, dovuto in gran parte a guadagni non realizzati di $ 1,4 miliardi in Didi e altri $ 471 milioni in Aurora. Tuttavia, Uber ha comunque registrato una perdita operativa di $ 1,19 miliardi, mentre la sua perdita EBITDA rettificata, che si riferisce a utili prima di interessi, tasse, svalutazioni e ammortamenti, è stata di $ 509 milioni, in calo di $ 150 milioni rispetto al trimestre precedente.

I funzionari di Uber hanno affermato che la perdita è dovuta alle ingenti spese da parte sua per attirare i conducenti. Ciò ha portato gli analisti a sollevare preoccupazioni sull’affidabilità a lungo termine del modello di lavoro di Uber e le azioni della società sono diminuite di oltre il 4% fuori orario, estendendo un calo di sei mesi che ha abbassato il suo valore di mercato di quasi un terzo.

“Abbiamo investito nella ripresa investendo in conducenti e abbiamo fatto grandi progressi”, ha detto l’amministratore delegato di Uber Dara Khosrowshahi in una telefonata con gli analisti.

Il trimestre ha sottolineato come Uber abbia sfruttato la pandemia di COVID-19 in corso per espandere la propria attività oltre il suo servizio di corse originale. Al giorno d’oggi, le consegne di cibo e pacchi effettivamente guidano la parte del leone delle entrate per l’azienda. Quando è emerso per la prima volta il COVID, le persone hanno smesso di mangiare fuori e si sono invece rivolte alle consegne di cibo. L’attività di consegna di Uber ha quindi visto una crescita enorme e la società ha affermato che oggi è rimasta forte anche se le restrizioni COVID in tutto il mondo sono state allentate.

L’attività di consegna di Uber è decollata nel 2014, ma la pandemia le ha dato un enorme impulso. Uber ha affermato che l’attività di consegna ha generato prenotazioni lorde di $ 12,96 miliardi nel trimestre, in aumento dell’85% rispetto a un anno fa e superando il suo segmento principale di mobilità. Il business Mobility ha contribuito con 8,6 miliardi di dollari di prenotazioni lorde, con un aumento del 184%.

La società ha anche riferito che il suo numero di spedizionieri supera ora i 750.000.

Leggi di più: Uber mangia divora attività di condivisione del viaggio mentre la società raddoppia i generi alimentari

Khosrowshahi ha detto in una chiamata che l’attività di consegna ha lottato con gli squilibri della domanda e dell’offerta a causa della mancanza di autisti. Ciò ha comportato un aumento dei prezzi e un aumento dei tempi di attesa per i clienti che scendono al di sotto degli obiettivi dell’azienda, ha affermato.

Per rimediare a questo, Khosrowshahi ha affermato che la società ha effettuato ingenti investimenti che hanno contribuito ad aggiungere il 30% in più di conducenti alle sue operazioni negli Stati Uniti da giugno a luglio. Non ha fornito un numero esatto di conducenti.

“La buona notizia è che ora siamo in una buona posizione in cui siamo in grado di ritirare quegli investimenti, ha detto Khosrowshahi. “Gli investimenti sono stati grandi, ma ne è valsa la pena”.

Più come questo: Bonus alla firma di Uber, meglio pagare i conducenti di richiamo sulla strada

Khosrowshahi ha fatto un’osservazione interessante sulla chiamata su come le consegne stanno aumentando l’attività complessiva dell’azienda. Ha sottolineato che l’attività di consegna ora sta effettivamente guidando l’acquisizione di clienti per il segmento della mobilità, al contrario del contrario. Ha detto che questo è dovuto al fatto che in molti mercati, in particolare nelle aree suburbane e nelle città più piccole, Uber Eats tende sempre più a essere il primo modo in cui i clienti interagiscono con Uber.

“Nel secondo trimestre, oltre il 20% dei ciclisti per la prima volta di Mobility negli Stati Uniti e oltre il 40% dei ciclisti per la prima volta nel Regno Unito erano consumatori di consegne esistenti, con questo contributo in rapida crescita nell’ultimo anno”, ha spiegato il CEO .

Con questo in mente, Uber ha cercato di espandere la sua attività di consegna con una serie aggressiva di acquisizioni iniziata con il suo accordo da 2,7 miliardi di dollari per acquistare Postmates nel giugno 2020. Il mese scorso, Uber ha annunciato di aver rilevato i restanti azionisti di Cornershop, un società di cui già deteneva una quota di maggioranza, fino a diventarne l’unico proprietario. Uber ha affermato che una volta finalizzato l’accordo, espanderà l’attività di consegna di generi alimentari di Cornershop oltre Messico, Cile, Canada e Perù e in altre regioni del mondo.

Vedi altro: tuber diventa l’unico proprietario della startup di drogheria Cornershop

“Stiamo iniziando a lanciare ampiamente la drogheria alimentata da Cornershop negli Stati Uniti, avendo raddoppiato la nostra presenza in più di 400 città nelle ultime settimane e ci aspettiamo che questo sia il prossimo pilastro della crescita per Uber”, ha detto Khosrowshashi nella chiamata oggi.

Più tardi quel mese Uber ha annunciato una partnership chiave negli Stati Uniti con Walgreens. Ciò ha permesso alle persone di ordinare i prodotti della farmacia direttamente dall’app Uber Eats. Questo segnale è l’ambizione di Uber di espandersi oltre le semplici consegne di generi alimentari e cibo.

Potrebbe piacerti anche: La partnership di Uber Eats con Walgreens segnala ambizioni oltre Eats

Uber ha anche fornito un aggiornamento sulla sua attività più piccola Uber Freight, affermando che è cresciuta di un buon 64% in termini di entrate con un fatturato di $ 348 milioni. L’app Uber Freight abbina i camionisti ai commercianti che devono spedire le loro merci. I commercianti utilizzano l’app per reperire veicoli per consegnare i loro prodotti a tariffe più convenienti.

Khosrowshashi ha affermato che l’azienda sta alimentando sempre più la “logistica del primo e medio miglio” e che è degno di nota il modo in cui il 50% del suo volume di merci proviene da spedizionieri di generi alimentari e beni di prima necessità.

I funzionari di Uber ritengono che la divisione Merci, nonostante le sue modeste dimensioni in questo momento, abbia molte promesse. Per aumentare la propria posizione di mercato, l’azienda ha recentemente stanziato 2,2 miliardi di dollari per acquisire una società chiamata Transplace.

Quell’accordo è progettato per espandere la presenza di Uber in particolare nel segmento della logistica. Transplace fornisce servizi di gestione della logistica per i settori automobilistico, chimico, dei beni di consumo confezionati, dell’elettronica e della tecnologia, dell’energia, della produzione, del petrolio e del gas e della vendita al dettaglio. Con l’acquisizione di Transplace, Uber ha affermato che amplierà l’ambito della sua piattaforma verso una gestione più attiva del trasporto stesso.

Ulteriori letture: L’approccio della piattaforma di segnali di acquisto Transplace di Uber alla logistica

“Riteniamo che ci sia una grande opportunità per essere il partner logistico end-to-end preferito per gli spedizionieri”, ha affermato Khosrowshashi durante la chiamata. “Con l’acquisizione in attesa di Transplace, abbiamo il potenziale per creare la prima piattaforma logistica digitale end-to-end che potrebbe un giorno alimentare il movimento delle merci dal punto di produzione al consumatore”.

——————————

DATI PIMNTI: 100 DIRIGENTI SANITARI PARLANO DELL’UTILIZZO DELL’IA PER RIDURRE FRODI, SPRECHI E ABUSI

Di: Le aziende sanitarie stanno perdendo il 12% dei loro ricavi annuali a causa di frodi, sprechi e abusi (FWA), ma poche utilizzano l’intelligenza artificiale (AI) per affrontare questi problemi a causa dei problemi di costo. In AI In Focus: Targeting Fraud, Waste And Abuse In Healthcare, PYMNTS ha intervistato 100 dirigenti sanitari per scoprire come l’AI potrebbe effettivamente aiutare le aziende a sbloccare i risparmi frenando costose affermazioni false e falsi positivi.



Source link

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here