Home Criptovalute Ubisoft entra ufficialmente nel mondo degli NFT, lancia Ubisoft Quartz

Ubisoft entra ufficialmente nel mondo degli NFT, lancia Ubisoft Quartz

0



Ubisoft, noto publisher francese di videogiochi, ha annunciato il proprio ingresso nel mondo dei token non fungibili (NFT) tramite la nuova piattaforma Ubisoft Quartz: verrà lanciata in versione beta questa settimana assieme a Ghost Recon: Breakpoint, esclusivamente per i giocatori PC che utilizzano Ubisoft Connect.

“Vi presentiamo Ubisoft Quartz.

Con Ghost Recon: Breakpoint, stiamo portando i primi NFT ad alta efficienza energetica in un gioco AAA!

Provalo in versione beta a partire dal 9 dicembre, con tre drop cosmetici gratuiti.”

Correlato: Anche Microsoft salta sul carro dei Metaverse: novità in arrivo per Teams e Xbox

Secondo quanto riportato sul sito web di Ubisoft, i giocatori potranno ottenere pezzi collezionabili chiamati Digits, definiti “i primi NFT giocabili in titoli AAA, su una tecnologia ad alta efficienza energetica.” I Digits, che saranno armi o veicoli in gioco, saranno rilasciati in quantità ed edizioni limitate e distribuito gratuitamente ai giocatori in data 9, 12 e 15 dicembre, ma soltanto agli utenti di Stati Uniti e Canada. Quartz sarà anche reso disponibile in Italia, Spagna, Francia, Belgio, Germania, Australia e Brasile.

Ubisoft Quartz si basa sulla blockchain Proof-of-Stake di Tezos. Didier Genevois, Direttore tecnico Blockchain di Ubisoft, ha discusso dell’impegno della compagnia a ridurre l’impatto sull’ambiente del settore NFT:

“Questo tipo di blockchain ottiene gli stessi risultati protocolli utilizzando meno energia rispetto ai Proof-of-Work. Per darvi un’idea, una transazione su Tezos equivale a 30 secondi di streaming video… mentre su Bitcoin equivale a guardare video per un anno di fila!”

Correlato: Ubisoft è interessata alla creazione di giochi su blockchain

Baptiste Chardon, Blockchain Product Director di Ubisoft, ritiene che gli NFT rappresentino una direzione molto interessante per il mondo del gioco:

“Questo nuovo approccio potrebbe anche, nel lungo termine, aprire nuove opportunità come l’interoperabilità tra i giochi. […] Vediamo la blockchain come un mezzo per rimettere nelle mani di giocatori e creatori il valore che generano attraverso il loro coinvolgimento con i loro giochi.”

Ben diverso il parere di altre grandi società di videogiochi: Valve, l’azienda che su PC gestisce la popolare piattaforma di distribuzione Steam, ha di recente rimosso dal proprio marketplace tutti i giochi legati alla tecnologia blockchain.



LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here